Skip to content

L’angolo delle (vostre) ricette

gennaio 24, 2011

Quesito

Ci sono quattro commensali: un vegetariano che però mangia pesce, un musulmano che rifugge l'alcool, un allergico alle uova (io) e uno che mangia qualsiasi cosa (il maiale del condominio). Sapendo che la cuoca è sprovvista di forno/micronde/congelatore e della benché minima dote culinaria, che cosa potrebbe arrischiarsi a preparare?

 

(Soluzione attualmente contemplata : sushi da asporto).

Annunci
13 commenti leave one →
  1. gennaio 24, 2011 2:18 pm

    Per i primi ti posso consigliare:
    1) linguine alla crema di limone, ci vogliono 3 minuti e trovi la ricetta sul mio blog. Sono strepitose.
    2)spaghetti zucchine-carote-pachino. Anche qui, ci vuole niente.
    3) Variazioni sul tema: pachino e gamberetti, zucchine-pinoli-gamberetti…

    Per i secondi:
    1) filetti di platessa con prezzemolo e pachino. Non devi fare altro che buttarli in padella e non farli carbonizzare.
    2)platessa o merluzzo in crosta di patate (in teoria andrebbero fatti al forno ma se non c'è ci accontentiamo). Questa è la mia preferita ma è un pò più lunga.
    3)Trota infarinata e fritta

    Per i contorni:
    1)patate ripassate in padella col rosmarino. Come nei casi precedenti, si cuociono da sole, devi solo evitare che si brucino.
    2)insalata di finocchi-arance a spicchi-olive nere, se ti va, pure le scaglie di mandorla, va…
    3)banalissima insalata…

    Se c'è qualcosa che ti ispira ti spiego meglio la ricetta, è tutta roba che si fa in un nanosecondo…

  2. gennaio 24, 2011 3:47 pm

    ok. ho dovuto cercare "pachino" in google…
    e cmq qui si fa piatto unico, altro che primo-secondo-contorno!!!
    s.

  3. gennaio 24, 2011 3:49 pm

    E allora vai di spaghettata…

  4. gennaio 24, 2011 5:07 pm

    ok! mi lancio su spaghetti zucchine-gamberetti, il numero del sushi pronto per ogni emergenza…
    ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh
    πŸ™‚
    s.

  5. gennaio 24, 2011 6:13 pm

    Guarda, non ci vuole veramente niente: metti su l'acqua per la pasta. Contemporaneamente scaldi l'olio con uno spicchio d'aglio. Fossi in te, scioglierei un'alice sott'olio nel soffritto…la metti lì, gli dai una schiacciatina e in mezzo minuto si scioglie. Non è indispensabile ma non guasta. Quando l'olio è caldo butti i gamberetti e fai svaporare un pò di vino bianco (accidenti, il vino abbiamo detto che non si può usare, vabbè, non è indispensabile).
    Quando i gamberetti sono già a metà cottura, butti dentro le zucchine tagliate a cubetti. Non metterle troppo presto altrimenti si afflosciano un pò troppo.
    Puoi scommetere che se metti su l'acqua quando inizi a preparare il soffritto, nel momento in cui il condimento sarà pronto, tu dovrai scolare la pasta…quindi ci vuole veramente poco!

     

  6. utente anonimo permalink
    gennaio 24, 2011 6:37 pm

    Crepe salata del creparo all'angolo???
    ;)))
    bacioni,
    Vero

  7. gennaio 25, 2011 12:33 am

    Un bel risotto allo zafferano e funghi?
    O magari delle melanzane alla parmigiana?
    O delle crespelle fatte con i dhal indiani al posto delle uova?
    Una farinata da accompagnare a verdure varie?
    Pizza?
    Delle capesante e dei gamberetti all'aglio con del basmati profumato?

    Le alternative sono tante – magari prova a vedere i vari blog di ricette vegane – io prendo spesso spunto da veganblog πŸ™‚

  8. gennaio 25, 2011 12:33 am

    Un bel risotto allo zafferano e funghi?
    O magari delle melanzane alla parmigiana?
    O delle crespelle fatte con i dhal indiani al posto delle uova?
    Una farinata da accompagnare a verdure varie?
    Pizza?
    Delle capesante e dei gamberetti all'aglio con del basmati profumato?

    Le alternative sono tante – magari prova a vedere i vari blog di ricette vegane – io prendo spesso spunto da veganblog πŸ™‚

  9. gennaio 25, 2011 12:33 am

    Un bel risotto allo zafferano e funghi?
    O magari delle melanzane alla parmigiana?
    O delle crespelle fatte con i dhal indiani al posto delle uova?
    Una farinata da accompagnare a verdure varie?
    Pizza?
    Delle capesante e dei gamberetti all'aglio con del basmati profumato?

    Le alternative sono tante – magari prova a vedere i vari blog di ricette vegane – io prendo spesso spunto da veganblog πŸ™‚

  10. utente anonimo permalink
    gennaio 25, 2011 9:00 am

    Ma il titolo del libro che stai leggendo…non é completamente casuale vero???

    Kisses

  11. utente anonimo permalink
    gennaio 25, 2011 1:21 pm

    Una bella polenta?
    Stribili

  12. utente anonimo permalink
    gennaio 25, 2011 3:17 pm

    -Riso basmati bollito, scolato e condito con un filo d'olio, limone e tonno al
     naturale. Ogni variazione è concessa.
    – Finocchi tagliati a spicchi ,  un po' d'olio, aggiunta di sale quanto basta, 
      un po' d'acqua, cuocere e rosolare appena appena.
    – branzino pulito, lavato, asciugato e nella pancia mettere rosmarino, 
      fesina d'aglio, un pomodorino tagiato a metà, sale quanto basta avvolgere
      in carta stagnola e mettere sul fuoco. Gli odori migliori Ariosto per pesce.
    – Peperoni gialli, togliere tutti i semini, tagliarli a listarelle, metterle in
      in pentola, con aceto, sale grosso, acqua. Raggiunta la giusta cottura
      scolare e condire con olio, una fesina d'aglio e una pestata di prezzemolo,
      lasciare ……., non mi viene la parola, un po' per insaporire e gustare
      meglio.
    – carciofi crudi, solo il cuore, togliere la barba all'interno, dividendo a metà
       il carciofo e affettare sottile, condire con olio, limone e pepe.
    –  seppioline e moscardini con un po' di sughetto, aggiunta di pisellini o
       patate, pestata di prezzemolo
    –  poi per il maialino del condominio un piccolo polpettone.
       carne trita con macinato insieme un po' di cotto, un uovo, parmiggiano, una patata lessa schiacciata con lo schiacciapatate, pan grattato, una fesina d'aglio schiacciata, amalgamare il tutto e formare un  salamone, avvolgere in carta stagnola, cuocere con olio, sapori o ariosto carni, e metà acqua, dopo circa mezz'ora e l'acqua si è asciugata srotolare il salamotto e rosolare. Farlo rafreddare e tagliarlo a
    fette.
    Ciao 4 p

  13. gennaio 25, 2011 5:00 pm

    vero, sai qual è la fregatura?!? che l'equazione italiana=sa cucinare è troppo difficile da smentire…almeno ci fosse un pizzaiolo decente da asporto!
    ch., il risotto zafferano-funghi credo che lo tenterò stasera, augurami good luck!
    #8…mmm, no, mi pareva più utile quello di umberto eco πŸ™‚
    Stribili, parlianmone : io ODIO la polenta. e il fatto che tecnicamente sia bergamasca non significa nulla.
    4P, sai perché mi piaci? perché la fiducia che hai nelle mia capacità illimitata πŸ™‚

    per dover di cronaca, sia detto che le linguine erano buone e il tiramisu eccellentissimo πŸ™‚

    grazie a tutte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: