Skip to content

Fragments sur la vie mutilée

gennaio 18, 2011

Maladie

    
     L'angoisse de la maladie c'est avant tout celle d'une immense solitude. Impossibilité à peu près complète de la traduire par des paroles ou des mots. Seuls ceux qui partagent la même souffrance peuvent se comprendre d'un regard. Sentiment d'inutilité, ennui ou agacement que provoquent la plupart des discours des autres, même animés par les meilleurs intentions.

     Incompréhension majeure : la maladie n'est pas une simple atteinte physique, mais un bouleversement complet de l'être-dans-le-monde.

(PALMIER, Jean-Michel, Fragments sur la vie mutilée)

 

Malattia

     L'angoscia della malattia è, prima di tutto, quella di un'immensa solitudine. Più o meno impossibile tradurla in parole. Solo chi condivide la stessa sofferenza può capirsi con uno sguardo. Sentimento di inutilità, noia o irritazione che provocano la maggior parte dei discorsi degli altri, anche se animati dalle migliori intenzioni.

     Incomprensione peggiore: la malattia non è un semplice danno fisico, ma un cambiamento radicale dell'essere nel mondo.

(PALMIER, Jean-Michel, Frammenti sulla vita mutilata, traduzione mia, non sempre fedelissima)

 

JmP era un professore, morto di indovinate-cosa qualche anno fa. Fragments sur la vie mutilée è un libretto pubblicato postumo che raccoglie i suoi ultimi pensieri. Non so se la forma frammentaria sia dettata dallo sua condizione fisica che gli impediva sproloqui, o se fosse il suo modo di esprimersi. Se vi fossero stati i blog sono certa che ne avrebbe avuto uno.

Annunci
13 commenti leave one →
  1. gennaio 18, 2011 2:21 pm

    Parole sante, Sissi, parole sante…

  2. gennaio 18, 2011 5:00 pm

    Sono sicura che se avesse avuto un blog sarebbe stato molto interessante da leggere…

  3. gennaio 19, 2011 12:29 am

    concordo, e in realtà anche il libro non è affatto male…
    s.

  4. gennaio 19, 2011 10:28 am

    sissi visto che sei indecisa se riprendere o meno a lavorare, perché non cominci traducendo questo libretto per oltreilcancro che te lo pagherà profumatamente?
    mi sembra proprio in linea con le nostre cose…

  5. gennaio 20, 2011 12:12 am

    ecco! ora me ne occupo, e così, purtroppo, mi toccherà rifiutare il lavoro…nooooooooooooooo 🙂
    s.

  6. gennaio 20, 2011 3:42 pm

    Analisi lucida e  profonda… si, sarebbe interessante leggere anche il resto… 🙂
    Lascia il lavoro, questo mi sembra decisamente piu' interessante ;)))

  7. gennaio 20, 2011 4:23 pm

    ma siete serie?!? ma ho già riportato il libercolo in biblioteca…! va bé, se me lo chiedete voi andrò a riprenderlo 🙂
    s.

  8. gennaio 21, 2011 11:36 am

    certo che siamo serie, puoi contattare la casa editrice francese please per i diritti?
    e poi facci sapere, su!

  9. utente anonimo permalink
    gennaio 21, 2011 10:34 pm

    Sì,sì, edizione italiana a cura di Sissi, edita da Oltreilcancro.it 
    Io però avrei tradotto alla fine "ma un totale stravolgimento dell'essere-nel-mondo." Che ne pensi? baci baci
    Giorgia

  10. utente anonimo permalink
    gennaio 21, 2011 10:34 pm

    Sì,sì, edizione italiana a cura di Sissi, edita da Oltreilcancro.it 
    Io però avrei tradotto alla fine "ma un totale stravolgimento dell'essere-nel-mondo." Che ne pensi? baci baci
    Giorgia

  11. utente anonimo permalink
    gennaio 21, 2011 10:34 pm

    Sì,sì, edizione italiana a cura di Sissi, edita da Oltreilcancro.it 
    Io però avrei tradotto alla fine "ma un totale stravolgimento dell'essere-nel-mondo." Che ne pensi? baci baci
    Giorgia

  12. utente anonimo permalink
    gennaio 21, 2011 10:34 pm

    Sì,sì, edizione italiana a cura di Sissi, edita da Oltreilcancro.it 
    Io però avrei tradotto alla fine "ma un totale stravolgimento dell'essere-nel-mondo." Che ne pensi? baci baci
    Giorgia

  13. gennaio 22, 2011 1:20 am

    Giorgia, la tua traduzione è quella corretta…solo che "bouleversement" in francese è abbastanza corrente, più di "stravolgimento" in italiano, e mi sembrava di enfatizzare troppo il concetto…quindi ho barato, e dato all'aggettivo il ruolo di esplicitare l'idea della radicalità del cambiamento e…insomma, mi faccio dei trip allucinanti
    s.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: