Skip to content

Ma i pazzi tutti io – Vol. II

settembre 14, 2009

Qualche settimana fa, cinema. Una delle mie sale preferite, piccola, poca gente e film carini. Per una volta arrivo in orario e mi godo in santa pace tutti i venti minuti di pubblicità idiota; 13 e 30, le luci si spengono e il film inizia. Solo che è All the invisible children, bellissimo, ma l’ho già visto.

Dopo lunghissimi minuti di comune indolenza, un gentile fanciullo va ad informare il genio della proiezione che si è sbagliato, e ci viene eccezionalmente offerta un’altra selezione di pubblicità idiota.

E infine inizia Home, due ore abbondanti di immagini magnifiche e commento catastrofico sul nostro futuro, un film il cui maggior pregio è aver favorito l’avanzata elettorale dei verdi alle ultime europee.

Quando finisce sono le quattro, e indifferente al fatto che il 20% dell’umanità consumi l’80% delle risorse, mi precipito in una boulangerie. Ho fame famissima, un panino non ha mai ucciso nessuno, giusto? Giusto. Scelgo quello dall’aria più innocua, pago, esco e lo scarto famelica. Inizia a piovere. Va bé, forse è meno pericoloso se lo mangio in metro. Scendo sul quai, e non faccio in tempo a sedermi che la metro semivuota arriva. Salgo e torno a dedicare tutta la mia attenzione alla baguette.

La metro era semideserta, l’ho già detto? Il clochard della linea due viene ad installarsi proprio di fornte a me, lui e i suoi amabili germi, ed inizia a sbavarmi in faccia.

– "Non avresti un euro?"

– "No."

– "Non avresti una sigaretta?"

– "Sì."  Mea culpa, non so dir di no a chi chiede una sigaretta. La rigira tra le mani, e continua a fissarmi.

– "Non avresti dell’acqua?"

– "Si."

– "Non avresti un panino?"

Un panino? Uno come il mio, intende??? No no no. No. Fame. NO.

– "Sì."

Resto a guardarlo mente si divora il mio pranzo e il mio stomaco inizia a bestemmiare. Si mangia fino all’ultima briciola, mi guarda e…

– "Non avresti un fazzoletto di carta?"

– "No!" Mi alzo e scendo. Prima che mi chieda anche la chiavi di casa.

Annunci
7 commenti leave one →
  1. utente anonimo permalink
    settembre 14, 2009 11:00 am

    Io ti aspetto per sfamarti con l’ape.
    C’è bisogno che mi firmi???

  2. settembre 14, 2009 2:12 pm

    no, tranqua, anche io li incontro. stamattina, non avevo fatto neanche un passo e già ero stata assediata da una apparente mamma bisognosa. si è presa vestiti e scarpe arretrate, e poi mi ha chiesto un panino. e si è incazzata che non sono potuta andarglielo a comprare (non voleva soldi). ho poi visto che aveva mollato scarpe e vestiti per strada. e mi sono pure vergognata. bah!

  3. settembre 14, 2009 5:30 pm

    Che forte….

  4. settembre 14, 2009 8:59 pm

    #1 genio della lampada??? :):)
    widepeak, ma era almeno l’ultima collezione armani???
    sissi

  5. settembre 15, 2009 9:47 am

    Hanno messo a dura prova tutta la tua pazienza. Ma secondo me sei stata brava…

  6. settembre 15, 2009 7:15 pm

    secondo me sono troppo brava…
    sissi

  7. settembre 16, 2009 3:56 pm

    Sei bravissima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: